Il glossario del turismo

  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Una breve ma esaustiva guida per comprendere alcune delle voci più utilizzate in ambito turistico

Affittacamere:

“strutture ricettive composte da camere ubicate in più appartamenti ammobiliati nello stesso stabile”. Trattasi di attività imprenditoriale che offre servizi di alloggio tipici dell’attività alberghiera, ma per differenziarsi da questa può ospitare massimo 6 camere. La differenza tra affittacamere e b&b sta nella diversa regolamentazione legislativa che prevede l’apertura di partita IVA.

Agenzia di viaggi:

azienda preposta alla vendita di pacchetti turistici e vacanze. Vero e proprio intermediario tra cliente e tour operator.

Albergo (o hotel):

offre alloggio di breve durata a un costo certo e prestabilito. Prevede determinati servizi: ristorazione, svago, riposo e pulizia.

Albergo diffuso:

fornisce gli stessi servizi di un’attività alberghiera, tuttavia alloggi e camere sono dislocati, solitamente in piccoli centri. Questo genere di attività nasce principalmente per valorizzare il territorio, il che spiega anche gli alloggi sparpagliati per il paese.

All-inclusive:

tradotto letteralmente “tutto incluso” indica l’inclusione di tutti i servizi offerti nel prezzo pagato al momento della prenotazione.

Bed & Breakfast:

questa attività offre alloggio + colazione. La gestione di un b&b, per legge, può essere effettutata solo da privati e non da società, anche senza P. IVA.

Booking-fee:

tasse amministrative o spese di gestione da aggiungere al costo della prenotazione.

Channel manager:

è un software. Con questo è possibile gestire in modo centralizzato, in maniera molto semplice, tutti gli alloggi e le proprietà che si intendono affittare (lodgify ad esempio).

Commissione:

viene calcolata in percentuale sul prezzo totale e potrebbe essere prevista per uns ervizio acquistato in struttura o da un tour operator.

Garanzia sulla prenotazione:

molte strutture, per evitare il no show (v. in basso), spesso prevedono una forma di garanzia sulla prenotazione. Una forma abbastanza comune è la richiesta del numero di carta di credito.

Imposta (o tassa) di soggiorno:

è una vera e propria imposta pretesa e quantificata dalla città in cui si trova una struttura. Può essere pagata all’arrivo o al check-out e, solitamente, si tratta di una cifra esigua che varia in base al numero di notti trascorse.

Last Second:

una prenotazione effettuata pochissimo tempo prima della data di arrivo, in genere 24 h prima.

Lead Time:

il tempo intercorso tra la data di prenotazione e la data di arrivo di un cliente.

Mezza pensione:

questa formula prevede l’alloggio, la colazione più pasto a scelta tra pranzo o cena.

Motel:

alloggio dedicato agli automobilisti che percorrono lunghe tratte in macchina. Difatti queste strutture spesso si trovano in prossimità di grandi strade.

No-show:

è la non presentazione nella struttura prenotata. A garanzia della prenotazione e per evitare un mancato guadagno, imlica generalmente il pagamento di una penale.

OTA:

Online Travel Agency. Sono agenzie di viaggi online (tra le più famose: quali Booking, Tripadvisor, Expedia, Hotels.com, Trivago…).

OMT:

Organizzazione Mondiale del Turismo.

Ostello:

simile agli alberghi, queste strutture offrono principalmente stanze multiple da condividere con altri ospiti, a prezzi modici. Molto spesso è prevista la prima colazione,, ma è presente una cucina dove preparare autonomamente il proprio pasto (pranzo e cena).

struttura molto simile ad un albergo, ma che a differenza di questo, mette generalmente a disposizione stanze condivise per gli ospiti a prezzi contenuti.

Overbooking:

una condizione di “sovraprenotazione” che coinvolge principalmente le compagnie aeree le quali eccedono nell’accettazione delle prenotazioni rispetto alla reale disponibilità.

Pax:

termine inglese, abbreviazione di passeggero.

Pensione completa (american plan):

è simile alla mezza pensione, ma comprende tutti e tre i pasti principali.

Politica di cancellazione:

condizioni imposte dall’albergatore o dell’hotel nel caso in cui la prenotazione venisse cancellata.

Pps:

dall’inglese “per person sharing”, tradotto “prezzo per persona”: è quanto ha da pagare da ogni singolo all’interno di una stanza multipla.

Sincronizzazione dei calendari:

funzione che permette di sincronizzare, esportare e importare i calendari delle prenotazioni e delle disponibilità delle case vacanza in un’unica piattaforma.

Soggiorno minimo:

talvolta, per procedere con una prenotazione, la struttura richiede un numero minimo di notti da trascorrere.

Tour operator:

si differenzia dall’agenzia di viaggi. L’agenzia è un intermediaria per la vendita; i tour operator organizzano, pianificano direttamente e sono interamente responsabili del viaggio del cliente.

Turismo accessibile:

una forma di turismo orientato alle vacanze per persone disabili o con scarsa autonomia. L’intento è quello di rendere accessibile e senza imprevisti una qualsiasi vacanza, offrendo tutti i servizi necessari o richiesti.

Turismo esperienziale:

questa forma di turismo va oltre la “semplice vacanza”, volendo offrire ai turisti “un’esperienza memorabile”.

Turismo sostenibile:

il focus di questa forma di turismo è il rispetto ambientale, sociale ed economico.

Upgrade:

la struttura decide, autonomamente, di concedere un’offerta e un servizio di un valore e una categoria superiore rispetto a quella scelta dal cliente.

Website builder:

un creatore di pagin web per la casa vacanze.

Hai altri dubbi? vuoi conoscere il significato dei più utilizzati termini inglesi? Clicca qui!

 


  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Commenti

Aggiungi un commento