Museo dell’Aviazione Rimini

Sulle colline riminesi trova collocazione Il Parco Tematico dell’Aviazione più grande d’Italia, nonché uno di più importanti a livello Europeo per estensione e contenuti.
Inaugurato nel 1995, il Parco tematico è distribuito su un territorio di 100.000 mq e propone ai propri visitatori un’esposizione di aerei coerentemente scelti tra quelli del dopoguerra.
Esposti al pubblico lungo un percorso di tre chilometri all’interno del Parco si possono ammirare oltre cinquanta aerei di cui una cospicua parte di progettazione sovietica, velivoli americani (per citarne alcuni il Phantom, l’F-104, il Grumman), altri italiani (il G.91, il G.222) e poi ancora aerei stranieri tedeschi, inglesi e uno brasiliano.
Un sorprendente spazio espositivo che racchiude aeromobili pregiati sia per prestigio che per rarità ma anche una cospicua parte di armi contraeree, missili e mezzi da guerra.
All’interno del Parco Tematico dell’Aviazione hanno:
– Museo dell’Aviazione – Museo dell’Aeromodellismo – Centro studi sulla Linea Gialla – Associazione culturale “Sulle Ali della Storia”

Il Museo dell’Aviazione

Un padiglione moderno dal design contemporaneo e all’avanguardia si sviluppa su vari piani per accogliere le sale del museo dell’Aviazione predisposte a contenere e conservare corredi e componenti del mondo dell’Aviazione.
Il Museo costituisce un punto di approdo di grande interesse per appassionati e studiosi poiché contiene al suo interno rarità e pezzi di grande interesse conservati nella maggior parte dei casi solo al suo interno e da nessun altra parte al mondo.
All’interno delle vetrine sono dunque custodite divise militari, uniformi, tute da volo, ma anche decori, onorificenze e medaglie che attraversano un ampio periodo storico per la loro evoluzione, dai primi del novecento ai giorni nostri. In ogni teca sono presenti fotografie a dimostrazione dell’autenticità dei reperti esposti, ritratti durante episodi noti della nostra storia militare.
Un grande percorso fotografico ripercorre inoltre tutto il Museo, con scatti di bombardamenti, di guerriglie, episodi militari, combattimenti aerei o dove sono immortalati aerei oramai non più reperibili.
All’interno del Museo sono esposti modellini magistralmente costruiti da modellisti competenti che riproducono velivoli, di cui non si conserva più traccia, irrimediabilmente perduti.
Una sala audiovisiva è stata adibita per la proiezione di filmati con immagini autentiche riprese da operatori cinematografici dell’epoca, e tutto il materiale che possa ancora ricordare i tempi nei quali l’Italia sosteneva la competizione in campo aeronautico con paesi all’avanguardia come Stati Uniti, Inghilterra, Francia e Germania, ottenendo sovente la vittoria.

Il Museo dell’Aeromodellismo

Nel Parco dell’Aviazione collocato nel padiglione “Italo Balbo” nel 2004 viene fondato ed istituito il primo Museo di Aeromodellismo italiano con la collaborazione del GAS Falchi di San Marino. L’idea nasce dalla volontà di conservare la memoria di modelli e prototipi non più reperibili oltre che di esporre opere vincitrici di vari riconoscimenti nell’ambito del modellismo.
Ma il museo non è solo un prodotto statico di esposizione bensì un ambito di aggregazione tra appassionati che si danno apputamento per i vari eventi e le manifestazioni organizzate dal museo. Nella collezione esposta sono presenti numerosi modelli di pregio degli anni ’40 e ’50.

Il Centro studi sulla Linea Gialla

Per Linea Gialla s’intende l’ultimo fronte tedesco costituito per difendere l’Italia dagli Alleati che insieme alla Linea Verde costituiva la Linea Gotica.
Indispensabile dunque in questo contesto il Centro Studi, costantemente impegnato nella ricerca di eventi storici determinanti e che possano fare luce su alcuni episodi ancora oscuri. Particolarmente esaminate sono le fasi dello sfondamento della Linea Gotica e la successiva e drammatica Battaglia di Rimini che, insieme allo sbarco in Grecia, segnarono le sorti del conflitto nell’Europa Sud-Orientale e nel Mediterraneo.

L’Associazione culturale “Sulle ali della storia”

Associazione no profit che sostiene e fiancheggia il Museo dell’Aviazione nelle sue iniziative.
La maggior parte dei suoi componenti sono ex militari e appassionati , impegnati nella conservazione dei velivoli e di tutto il materiale esposto contribuendo gratuitamente alla ricerca storica che a compiere opere di manutenzione e restauro.

Aerei

  • Aermacchi MB.326H
  • Antonov An-2 “Colt”
  • de Havilland FB. MK4 Venom
  • Douglas DC-3 “Dakota”
  • Embraer EMB-326
  • Fairchild Merlin
  • Fiat G. 91PAN
  • Fiat G. 91R
  • Fiat G. 91T
  • Fiat G.463A
  • Fiat G.91T/3
  • Fokker Dr.1 (Replica)
  • Gloster Javelin Faw. Mk9
  • Ilyushin Il-28 “Beagle”
  • Let L-410 Turbolet
  • Lockheed F-104G Starfighter
  • Lockheed T-33A Shooting Star
  • McDonnell F-4 Phantom II
  • MiG-15 UTI “Midget”
  • MiG-17 (Lim-6 bis) “Fresco”
  • MiG-19 (Shenyang F-6) “Farmer”
  • MiG-21 MF “Fishbed-J”
  • MiG-21 PFM “Fishbed-F”
  • MiG-21 UM “Mongol-B”
  • MiG-23 BN “Flogger-H”
  • North American T-6 Texan
  • Piaggio P.148
  • Piaggio P.166M
  • PZL TS-8 Bies
  • PZL Mielec TS-11 Iskra
  • Republic F-84F Thunderstreak
  • Republic RF-84F Thunderflash
  • Saiman 202
  • SIAI-Marchetti S.208
  • Sukhoi Su-17UM4 “Fitter-K”
  • Sukhoi Su-7BMK “Fitter-A”
  • Vought A-7E Corsair II

Elicotteri

  • Agusta-Bell AB47G2
  • Agusta-Bell AB205
  • Mil Mi-2 (PZL Swidnik) “Hoplite”
  • Mil Mi-9 “Hip-G”

Armamenti

  • Autoblindo FIAT Tipo 6616
  • Cannone Bofors 40mm
  • Cannone Breda 20 mm
  • Cannone Defa 40 mm
  • Cannone Flak 88 mm
  • Cannone inglese da 94 mm
  • Carro armato T-55
  • Faro da Campo Inglese
  • Missile SCUD
  • Pod GP-9
  • Quadrinata Oerlikon 20mm
  • Radar P-15
  • Sd.Kfz. 251-D
  • Semovente M15/42 Fiat-Ansaldo
  • Sistema missilistico SAM 2
  • Stazione mobile guidamissili
  • Torretta Linea Maginot

Motori

  • Alfa Romeo 110 da 120 CV
  • Allison J-33A-35
  • Continental R-975
  • General Electric J79-GE-11A
  • Klimov
  • Klimov VK-1F
  • Lycoming VO-435 motore boxer 6 cilindri
  • Pratt & Whitney R-1535-13 WASP
  • PZL Mielec SO – 3W
  • PZL Rzeszow/Isotov GTD 350
  • Tumanskij R-11
  • Walter Minor 6 – III

Cabine

  • Cabina Antonov An-2
  • Cabina elicottero Mil Mi-2

Divise

  • Abito Talare da Cappellano della Regia Aeronautica. (anni trenta)
  • Cappotto (Guerra di Spagna 1936-1939)
  • II Guerra Mondiale
  • Mantellina per Ufficiali e Sottufficiali della Regia Aeronautica. (anni trenta)
  • Nuovo tipo di tuta da volo per Piloti dell’A.M.I.
  • Prima Grande Uniforme invernale per Ufficiali Piloti della R.A. (1924)
  • Prima Uniforme Ordinaria per Avieri e Graduati di Truppa. (1923)
  • Tuta da volo “Marus” modificata. (Periodo prebellico)
  • Tuta da volo “Marus” più nota come Tuta Atlantica. (Trasvolata 1933)
  • Tuta da volo delle “Frecce Tricolori”. (anni ottanta)
  • Tuta da volo estiva “Marus” (Diavoli Rossi). (Periodo prebellico)
  • Tuta da volo in dotazione ai Piloti dell’A.M.I. (Periodo postbellico)
  • Tuta da volo pressurizzata
  • Tuta da volo utilizzata dai nostri piloti durante la Guerra del Golfo. (1990)
  • Uniforme coloniale invernale per Ufficiali della Regia A. (II Guerra M.)
  • Uniforme del Regio Esercito, Comandante Dirigibilista. (Primi ‘900)
  • Uniforme del tipo “Sahariana”. (El Alamein 1942)
  • Uniforme estiva da “Meharista” (truppa coloniale). (anni trenta)
  • Uniforme estiva da Cerimonia: Dinner Jaket. (Periodo prebellico)
  • Uniforme invernale da campo da Ufficiale della Regia Aeronautica. (anni trenta)
  • Uniforme Ordinaria estiva (spezzato), detta da “guerra”. (II Guerra M.)
  • Uniforme Ordinaria per Avieri e Truppa. (anni trenta)

Medaglie

  • Gare sportive M.O. – Gen. Zanuso
  • Gran Croce dell’Ordine della Croce di Ferro con Fronde di Quercia e Spade (Germania II G.M.)
  • Medaglia d’oro al Valore Aeronautico (Gen. Pellegrino)
  • Medaglia d’oro del Decennale della Fondazione della R. Aeronautica
  • Medaglia d’Oro del Ministero della R.A.
  • Medaglia d’oro del Volo su Trento (Gabriele D’Annunzio)
  • Medaglia d’Oro della Trasvolata Atlantica 1931 (Gen. Balbo)
  • Medaglia d’Oro della Trasvolata Atlantica del Decennale (I. Balbo 1933)
  • Medaglia del Premio Nobel per la Scienza e la Tecnica (Helsinki 1977)
  • Onorificenza da Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine della Besa
  • Ordine di Servizio della S.S.Annunziata

La biglietteria chiude un’ora prima del Museo

Periodo invernale aperto domenica, dalle 10 alle 16, o su prenotazione per gruppi.
Orari e giorni d’apertura possono subire variazioni senza preavviso.

Elenco strutture vicine

Altri punti di interesse vicini a Museo dell’Aviazione Rimini