Come organizzare un tour enogastronomico in Toscana

  • 31
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    31
    Shares

Una delle regioni italiane che attira più turisti è sicuramente la Toscana. Regione nota per le splendide città come Siena, Firenze, Lucca, ma anche per la cultura enogastronomica che la caratterizza.

Terra di piatti tradizionali che mantengono nel tempo sempre un forte legame col passato. È in questo posto meraviglioso che potrete gustare specialità come la Bistecca alla Fiorentina, la ribollita, il caciucco, i fegatelli, il pane senza sale. Chiaramente questi sono solo alcuni dei piatti più famosi della tradizione toscana.

Come non citare poi i vini, tra i quali spiccano il Brunello di Montalcino, il Chianti, il Nobile di Montepulciano.

Dedicare qualche giorno alla scoperta delle specialità enogastronomiche di questa regione è una scelta sempre più diffusa. Se volete partire anche voi alla scoperta di questo aspetto della Toscana interessante, ecco qualche prezioso consiglio.

Toscana: la terra delle aziende agricole

Partiamo dalla pianificazione. Organizzate il tour individuando le aziende agricole che più rispecchiano le vostre preferenze: in Toscana la scelta è vastissima.

Per gustare la vera cucina toscana, entrando in stretto contatto con la natura, evitate le città e decidete quindi di perdervi tra le meravigliose colline toscane e gli agriturismi.

Nelle valli del Chianti

Dedicate del tempo alle colline tra Firenze e Siena. Si tratta della zona delle valli del Chianti, dove troverete numerose aziende vinicole, in cui una fermata è d’obbligo!
In moltissime cantine di queste valli vengono organizzati dei veri e propri percorsi di degustazione del famoso vino rosso della zona, affiancato a diversi prodotti tipici toscani.

Se volete visitare una delle cantine più amate dai puristi toscani, recatevi a Greve in Chianti, sempre tra Firenze e Siena.

Dopo aver assaggiato una buona ribollita –una zuppa di pane raffermo e verdure con cui il Chianti si sposa perfettamente– proseguite verso la terra del Brunello.

Dal Chianti al Brunello

La terra d’eccellenza nota per il vino Brunello è Montalcino, un idilliaco paesino in provincia di Siena, dove troverete molti ristoranti in cui potrete degustare un buon vino rosso. Mi raccomando non perdete l’occasione di fermarvi nella torre situata nel centro del paese, che ospita una delle enoteche più antiche d’Italia.

Alla scoperta di Montepulciano

Un’altra eccellenza tra i vini toscani è proprio il Vino Nobile di Montepulciano, un rosso che viene prodotto, come suggerisce il nome, nelle valli tra Siena e Montepulciano. Questa zona si spinge fino ai confini con l’Umbria e il Lazio, ed è famosa per le sue numerose aziende vinicole. Non avrete alcuna difficoltà a trovare un agriturismo dove gustare i veri piatti della tradizione toscana, abbinati al vino rosso della zona.

Toscana – non solo vino

Pensando alla Toscana, non può non venirci in mente un altro prodotto tipico di questa regione. Sì, stiamo parliamo dell’olio. Se durante il vostro tour enogastronomico non volete rinunciare alla degustazione del pregiato olio toscano, nessun problema: avrete modo di provarlo in moltissimi agriturismi toscani.

Ovviamente, avendo a disposizione un olio così pregiato, i toscani lo utilizzano molto per esaltare i loro piatti della tradizione. Non mancate quindi di degustarlo sulle caratteristiche bruschette di pane senza sale, sul caciucco, sulla pappa al pomodoro, o sulla zuppa di pane raffermo.


  • 31
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    31
    Shares

Commenti

mood_bad
  • Ancora nessun commento.
  • chat
    Aggiungi un commento